#TappaUnica3V analisi tecnica del giro completato

Continua dalla parte 4 del racconto di viaggio.

Dopo il racconto a qualcuno penso possano interessare anche gli aspetti tecnici e inizio dall’analisi del cammino, poi vedremo l’equipaggiamento utilizzato, l’alimentazione, l’idratazione ed altri eventuali particolari.

Dati numerici

  • Lunghezza 131km
  • Dislivello positivo 9580m
  • Dislivello negativo 9595m
  • Quota minima (partenza) 167m
  • Quota massima (Monte Colombine) 2217m

Percorso seguito

Le indicazioni di versione fanno riferimento alla mia elaborazione del percorso che all’originale aggiunge alcune varianti: vedi pagina relazioni.

  • Versione alta da Brescia al Goletto Campo di Nasso (Pezzeda)
  • Raccordo originale dal Goletto Campo di Nasso al Passo Falcone
  • Versione bassa dal Passo Falcone al Giogo del Maniva
  • Versione alta dal Giogo del Maniva alla sella sotto il Monte Crestoso
  • Versione bassa dalla sella sotto il Monte Crestoso al Goletto di Baccinale
  • Versione alta dal Goletto di Baccinale alla Forcella di Sale (scendendo però dritto al rifugio Almici una volta uscito sulla cresta sommitale del Guglielmo, ovvero senza fare il giro della cresta per salire alla vetta del Castel Bertino, un risparmio di limitato dislivello: 30m)
  • Versione intermedia dalla Forcella di Sale alla Punta Almana
  • Versione alta dalla Punta Almana ai Colmi di Caposs
  • Strada asfaltata dai Colmi di Caposs a Zoadello
  • Versione alta da Zoadello al Monte Selva
  • Versione bassa dal Monte Selva ai Campiani
  • Versione alta dai Campiani a Urago Mella

Vette raggiunte

L’asterisco indica quelle cime invero non esattamente raggiunte in quanto, per varie ragioni, chiuse al passaggio oppure perché il sentiero proprio le sottopassa; ci si passa comunque molto vicini.

  1. *Monte Maddalena (870m – si passa a quota 847)
  2. *Monte Denno (873m – si passa a quota 830)
  3. *Monte Salena (862m – si passa a quota 841)
  4. Monte Conche (1154m)
  5. Rupe dell’Eremo di San Giorgio (1194m)
  6. Monte Doppo (1216m)
  7. Punta Camoghera (1240m)
  8. Dossone di Facqua (1299m)
  9. Monte Dossone (1337m)
  10. Anticima Est Corna Sonclino (1349m)
  11. Corna Sonclino (1352)
  12. Punta Ortosei (1272m)
  13. Punta Reai (1245m)
  14. Vetta Vaghezza (1189m)
  15. Monte Campello (1642m)
  16. Monte Ario (1755m)
  17. Monte Maniva (1854m)
  18. Dasdanino (2086m)
  19. Monte Dasdana (2191m)
  20. *Prima Colombina (2182m – si passa a quota 2140)
  21. Seconda Colombina (2155m)
  22. Monte Colombine (2217m)
  23. *Terza Colombina (2193m – si passa a quota 2160)
  24. *Quarta Colombina (2107m – si passa a quota 2070)
  25. I quattro dossi senza nome tra il Goletto di Cludona e il Passo delle Sette Crocette
  26. Monte Splaza (1826m)
  27. Dosso Rotondo (1820m)
  28. Dosso senza nome sopra il rifugio Dosso Rotondo (1782m)
  29. Monte Campione (1832m)
  30. Colma di Marucolo (1857m)
  31. Colma di San Zeno (1660m)
  32. *Colma di Vivazzo (1458m – si passa a quota 1445)
  33. Punta Almana (1390m)
  34. Monte Rodondone (1143m)
  35. Dosso di Santa Maria del Giogo (968m)
  36. Monte Campanile (1035m)
  37. Monte Bruciato (926m)
  38. Dos de Nasi (870m)
  39. Monte Pernice (899m)
  40. Monte Magnoli (872m)
  41. Monte Selva (383m)
  42. Monte Picastello (383m – si passa a quota 355)

Valichi passati

  1. El Golet
  2. Colle di San Vito
  3. Forcella di Calone
  4. Passo del Cavallo
  5. La Brocca
  6. Passate Brutte
  7. Passata del Cucinì
  8. Campo di Gallo
  9. Forcella dei Quattro Comuni
  10. Passata di Vallazzo
  11. Cocca di Lodrino
  12. Passo della Cavada
  13. Passo del Termine
  14. Passo delle Piazze
  15. Goletto Campo di Nasso
  16. Passo Falcone
  17. Passo Pezzeda Mattina
  18. Passo di Prael
  19. Passo di Paio
  20. Passo delle Portole
  21. Passo Dosso Alto
  22. Giogo del Maniva
  23. Passo Dasdana
  24. Goletto di Cludona
  25. Passo delle Sette Crocette
  26. Passo del Crestoso
  27. Stanga di Bassinale
  28. Goletto del Baccinale
  29. Goletto di Splaza
  30. Piano delle Camere
  31. Colle di San Zeno
  32. Croce di Marone
  33. Passo Spino
  34. Forcella di Sale
  35. Croce di Pezzolo
  36. Santa Maria del Giogo
  37. Colmi di Caposs
  38. Selet di Magnoli
  39. Sella dell’Oca
  40. Sella del Quarone
  41. Passo della Forcella (di Gussago)
  42. Passo delle Crosette

Tempi di cammino

Ecco la bellissima tabella creata da mia moglie man mano che riceveva i miei messaggi, il numero iniziale è l’esatto orario del mio passaggio (lo metto sempre nel messaggio stesso), tra parentesi sono gli orari di ricezione.

Per una lettura più agevole riporto anche qua sotto gli stessi dati puliti dalle annotazioni.

  • 08:20 Partenza
  • 11:09 Chiesa di San Rocco a Nave
  • 15:20 Passo del Cavallo
  • 18:39 Corna Sonclino
  • 21:20 Lodrino (fontanella di via De Gasperi)
  • 00:41 Passo del Termine
  • 01:41 Area giochi della Vaghezza
  • 04:28 Monte Ario
  • 05:49 Passo Pezzeda Mattina
  • 08:02 Passo delle Portole
  • 08:45 Giogo del Maniva
  • 11:15 Monte Colombine
  • 12:02 Passo delle Sette Crocette
  • 12:25 Passo del Crestoso
  • 13:45 Rifugio Elena Tironi a Malga Rosello di Sopra
  • 15:17 Goletto del Baccinale
  • 16:32 Colma di Marucolo
  • 17:19 Colle di San Zeno
  • 18:53 Cresta sommitale del Monte Guglielmo
  • 20:00 Croce di Marone
  • 20:34 Forcella di Sale
  • 21:25 Punta Almana
  • 23:50 Croce di Pezzolo
  • 00:13 Località Pieto
  • 00:19 Località Spiedo
  • 00:36 Monte Rodondone
  • 01:12 Santuario di Santa Maria del Giogo
  • 02:10 Colmi di Caposs
  • 02:40 Piazza degli Artiglieri in Zoadello
  • 04:15 San Giovanni di Polaveno (fontanella di via Peli)
  • 05:04 Vesalla
  • 05:50 Uccellanda della Colmetta
  • 06:54 Monte Magnoli
  • 08:17 Monte Selva (Santuario della Stella)
  • 10:50 Urago Mella (cartellone 3V), ma permettetemi di correggere questo orario in 09:20 dato che al Monte Selva mi sono fermato non per mia esigenza ma solo per permettere a mia moglie di venirmi incontro e analogamente abbiamo fatto una sosta poco sopra Urago per consentire l’arrivo di mia sorella e mia madre.

Si evince un totale di quarantanove ore per il completamento del giro.

Ritengo questo il parametro orario di riferimento da mantenere: le fermate e le soste fatte sono comunque funzionali alla capacità di mantenere una certa andatura o addirittura essenziali al completamento del cammino. Per avere, però, anche un’idea il più realistica possibile della mia velocità media di cammino ho fatto pulizia, non avendo preso nota dei tempi di sosta è un calcolo empirico, tanto non c’è nessun premio in ballo.

Questa la tabella approssimativa delle soste:

  • 15 minuti – Sant’Antonio – Relax seduto
  • 10 minuti – Casa della Rovere – Rifornimento acqua
  • 25 minuti – Conche – Prima razione pasto
  • 10 minuti – Eremo di San Giorgio – Chiacchierata occasionale con due signore che chiedevano informaizoni
  • 10 minuti – Passo del Cavallo – Rifornimento acqua
  • 5 minuti – Casa di Vallardo – Chiacchierata
  • 10 minuti – Baracca sopra La Brocca – Chiacchierata
  • 5 minuti – Dossone di Facqua – Relax seduto
  • 15 minuti – Corna Sonclino – Relax seduto
  • 15 minuti – Punta Reai – Seconda razione pasto
  • 45 minuti – Lodrino – Rifornimento acqua, rifacimento borracce con soluzione isotonica, riposo seduto e chiacchierata
  • 20 minuti – Roccolo Morandi – Riposo seduto con pisolino
  • 30 minuti – Vaghezza area giochi – Riposo seduto con pisolini
  • 10 minuti – Fontana del Passo Pezzeda Mattina – Rifornimento acqua
  • 30 minuti – Passo Pezzeda Mattina – Dormita sdraiato
  • 45 minuti – Giogo del Maniva – Colazione al bar
  • 5 minuti – Monte Colombine – Osservazione panorama
  • 15 minuti – Passo del Crestoso – Terza e ultima razione pasto
  • 45 minuti – Rifugio Elena Tironi – Pastasciutta
  • 20 minuti – Goletto del Baccinale – Ripsoso seduto con sistemazione zaino e frontale
  • 5 minuti – Cresta sommitale del Guglielmo – Relax seduto
  • 10 minuti – Croce di Marone – Rifornimento acqua e rifacimento borraccia con soluzione isotonica
  • 60 minuti – Punta Almana – Lunga sosta per far passare tempo, dormita sdraiato
  • 30 minuti – Santuario di Santa Maria del Giogo – Relax seduto con pisolino
  • 10 minuti – Colmi di Caposs – Indecisione sul percorso da prendere
  • 45 minuti – Zoadello – Relax seduto con pisolo e perdita di tempo per far avvicinare l’alba (in relazione al problema cinghiali)
  • 10 minuti – San Giovanni di Polaveno – Rifornimento acqua e rifacimento borraccia con soluzione isotonica
  • 30 minuti – Case della Colmetta – Relax seduto con pisolo e perdita di tempo per far avvicinare l’alba (in relazione al problema cinghiali)

Quindi:

  • quarantanove le ore totali (cammino più soste)
  • undici le ore di sosta (tra queste un massimo di quattro ore di sonno)
  • trentotto le ore di effettivo cammino
  • tre e mezzo i chilometri all’ora

Continua con l’analisi dell’alimentazione.

3 pensieri su “#TappaUnica3V analisi tecnica del giro completato

  1. Pingback: #TappaUnica3V ci sono riuscito (4) – Sentiero 3V "Silvano Cinelli"

  2. Pingback: #TappaUnica3V alimentazione “vincente” – Sentiero 3V "Silvano Cinelli"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.